Si fa presto a dire contenuti!

IMG_1640

 

Che cosa s’intende per contenuti? Quali sono le attività professionali legate ai contenuti?

Ecco una breve guida per muoversi più agilmente in questo universo in continua evoluzione.
Da leggere oggi, perché domani sarà già vecchia.

Content
Contenuti sono informazioni, sotto qualsiasi forma e di qualsiasi genere, a cui uno o più destinatari riconoscono valore, in un determinato contesto. Possono essere presentati in diverse forme (come news, video, white paper, ebooks, infografica, case study, foto, …) e sono fruibili tramite qualsiasi mezzo (come internet, televisione e CD audio, eventi, conferenze e spettacoli live).

Content strategy
Il termine nasce alla fine degli anni ’90 e inizialmente indica una competenza strettamente web, legata al design della user experience. Oggi, indica il lavoro attraverso cui si progetta e si ottimizza il valore e l’impatto di un contenuto (più che altro di un sistema di contenuti), rendendolo comprensibile, rintracciabile e disponibile nelle sue diverse forme.

Content marketing
Qualunque forma di marketing in cui si fa leva sulla creazione e la condivisione di contenuti rilevanti e di valore per attrarre gruppi di persone e costruire con loro relazioni positive di reciproco vantaggio.

Content management
L’insieme di processi e tecnologie di raccolta, gestione e pubblicazione di contenuti digitali.

Content curation
L’attività costante d’identificazione, organizzazione e condivisione dei contenuti migliori e più rilevanti su uno specifico argomento.

Content analysis
Metodologia delle scienze sociali che studia il contenuto delle comunicazioni umane registrate, quali libri, siti Web, dipinti o leggi.

Content design
È l’attività di progettazione dei contenuti che ha l’obiettivo di ottimizzarli per i pubblici cui sono destinati, nei contesti in cui avverrà la fruizione.

Content management system
È il sistema informatico attraverso cui un contenuto viene editato, modificato, pubblicato, condiviso.

Content governance
È l’applicazione tattica delle scelte di content strategy. Gli strumenti coinvolti includono flussi di lavoro, linee guida redazionali, guide di stile, schede di gestione editoriale, comitati di redazione.

Content choreography
Specializzazione del design mirata a garantire che i contenuti mantengano la corretta gerarchia su tutte le piattaforme web su cui sono disponibili.

29 aprile 2013

One Comment

  1. Antonella Pretali

    Carissima,
    quanto mai utile questo intelligente e approfondito glossario.
    Utile a chi parla di contents non distinguendo le tipologie. Utile a chi studia, a chi lavora, ma soprattutto utile in quanto IMPERMANENTE. Come giustamente dici tu.
    Perchè ogni tanto, anche nell’ambito del temporaneo, occorre mettere un punto fermo. Perlomeno per confrontarsi, hic e nunc.
    Grazie, farò uso del tuo scritto, pur consapevole del fatto che domani potrebbe – dico potrebbe – essere superato.

    Complimenti per l’idubbia competenza.

    Antonella Pretali

Lascia un commento